Articoli

uno stile di vita sano

Uno stile di vita sano

Mi chiamo Valentina, sono la figlia di un paziente del Dottor Romano che per molti anni non ha condotto uno stile di vita sano.

Massimo ha salvato la vita di mio padre ormai diversi anni fa. Sono profondamente riconoscente a lui e a tutti i professionisti che, in modi diversi, hanno contribuito alla nostra presa in carico fisica, emotiva e psicologica.

Infatti, mio padre, non conducendo uno stile di vita sano, si ammalò generando una situazione di sofferenza per se stesso e di inadeguatezza di tutti noi, suoi cari.

Ancora oggi, a distanza di molti anni, quando accompagno mio padre ai controlli periodici, parte lo stesso copione: Massimo lo sprona a perdere peso e ad adottare uno stile di vita sano e lui esclama, con la sua faccia di bronzo:”…va beh dottore, è cosa fatta !!!”

Ovviamente mio padre,  malgrado gli avvertimenti, la malattia e la nostra supervisione,  se ne guarda bene dal condurre uno stile di vita sano.

Nonostante i suoi settantasette anni, sembra essere non curante dei rischi e continua ad adottare nel quotidiano comportamenti incauti rispetto alle sue reali condizioni.

A parte questa apparente indifferenza, frutto del suo carattere indolente, mio padre sa perfettamente quanto deve al proprio cardiologo di fiducia e alle équipes di Bologna e Casal Palocco che lo hanno seguito.

La pazienza e l’affidabilità di un bravo medico fanno sentire il paziente e i suoi famigliari “protetti” e al sicuro.

Infatti, con mio padre é  accaduto più di una volta che, a causa di un malanno improvviso, ha avuto bisogno di cure adeguate e tempestive. Il Dottor Romano è sempre stato disponibile per appuntamenti urgenti e consulti telefonici.

La stima che nutro per lui è dovuta alla sua grande umanità e alla sua pazienza illimitata, di questo un malato e la sua famiglia hanno bisogno per affrontare il percorso di cura e guarigione.

Valentina Vignoli

fibrillazione

Fibrillazione mal curata

Ho conosciuto il Massimo quasi per caso nel 2015 e da allora è divenuto il mio cardiologo e lo sarà per tutta la mia vita.

Ma andiamo con ordine.

Nel 2006 mentre ero al lavoro mi sono sentito malissimo: oltre al respiro affannato mi accorgevo che le gambe non mi sostenevano.

La mia fortuna fu che nell’Istituto per il quale facevo servizio esisteva, ed esiste ancora, un presidio di pronto soccorso.

Il medico che mi visitò si accorse subito della gravità del mio stato: cuore in fibrillazione, frequenza cardiaca alle stelle, e, con la scusa di un semplice controllo, mi accompagnò all’ospedale di Frascati dove mi ricoverarono immediatamente.

Dopo due settimane di cure, mi dimisero facendomi presente che il mio cuore avrebbe continuato a fare le bizze.
Senza badare a spese mi rivolsi ad un professore luminare primario del reparto di cardiologia di un grande ospedale romano credendo che avrebbe curato la mia fibrillazione e sarebbe sata la mia ancora di salvezza.

Purtroppo, mi curò la fibrillazione con il cordarone un farmaco che mi bloccò la fibrillazione ma fu letale per la mia tiroide tanto che nel 2007 dovetti subire un intervento di tiroidectomia totale al Policlinico.

Decisi, quindi di cambiare  cardiologo e scelsi un professore  che avevo conosciuto al Policlinico e di cui si parlava benissimo. Neanche in questo caso ottenni il risultato sperato, ossia un miglioramento del mio stato.
Dopo alcuni anni senza miglioramenti decisi di rivolgermi una cardiologa che lavorava in un altro ospedale romano, ma non cambiò nulla, la mia salute era sempre precaria.
Un giorno, parlando con un caro amico, anche lui con problemi cardiaci, venne fuori il nome del dott. Massimo Romano che era ed è tuttora il suo cardiologo curante.
Me ne parlò talmente bene che mi convinsi  a cambiare ancora.
Era il 2015.

Il dott. Romano mi diede subito la sensazione di cardiologo capace, ma, cosa che più mi colpì, fu che mi mise  a mio agio. Infatti riuscii a dialogare con lui come con un amico di lunga data.

Mi piacque subito la sua capacità di essere professionale senza la spocchia del “io sono io e tu non sei niente”.
Dopo una visita accuratissima con elettrocardiogramma e successivo ecocardio, le sue spiegazioni furono chiare e comprensibili.

A quel punto la svolta.

Il mio problema era legato al malfunzionamento della valvola mitrale che impediva al cuore di funzionare bene.
Riuscì in breve tempo a farmi ricoverare in una struttura pubblica senza dover affrontare le spese che sostenni pochi mesi prima in una clinica a Bologna dove  subii un intervento di valvuloplastica e l’inserimento di 2 stent nelle coronarie.

Da allora la mia vita è cambiata radicalmente e anche se necessito ancora di medicinali, posso  godermi una vacanza a pieno ritmo, posso confrontarmi con gli altri senza complessi di inferiorità causati dal disagio fisico. Insomma, possso vivere la vita di tutti i giorni con grande
serenità.

In pochissimo tempo poi il medico è diventato un amico,un confidente, un fratello maggiore che mi tira le orecchie se non seguo i suoi consigli, ma si pone sempre con un sorriso.
Massimo vorrebbe che tutti i suoi pazienti vivessero oltre i cento anni.
Andare da lui è un piacere perché è pignolo e puntualizza se fai cose che non dovresti, ma, allo stesso tempo, i tuoi progressi sono per lui una grande gioia.
Anche mia moglie è una sua paziente.
Siamo tutti e due felici di avere per medico Massimo Romano.

Lettera firmata.